9 - 11 Aprile 2024
Bergamo, Italy

Sotto il
patrocinio di

Confindustria-header
UniAcque
ITA-ICE
Ministero Ambiente Sicurezza Energetica
ISPRA
Regione Lombardia-header
ENEA
ComuneBergamo
Assorisorse
9 - 11 Aprile 2024
Bergamo, Italy

Sotto il
patrocinio di

Confindustria-header
UniAcque
ITA-ICE
Ministero Ambiente Sicurezza Energetica
ISPRA
Regione Lombardia-header
ENEA
ComuneBergamo
Assorisorse

Test Lisign theatre IT

This speech addresses the challenges of modern flue gas cleaning, focusing on innovative solutions for dealing with corrosive environments, essential for maximizing the utilization of waste heat and preparing for ideal CO2 capture. It highlights the use of PPS-GR, a graphite compound, in heat exchangers, showcasing its stability, durability, and efficiency through various projects in the waste to energy industry.

Relatori:

Il consorzio italiano che sviluppa e guida il progetto LIFE ReWo cerca di trovare percorsi di gestione alternativi e più sostenibili per i rifiuti di lana minerale.

Questa tipologia di rifiuti è attualmente classificata come pericolosa e pertanto può essere gestita solo presso discariche autorizzate per lo smaltimento finale. Il team del progetto introduce un innovativo processo di riciclo sostenibile e locale per gestire la lana minerale pericolosa.

Il progetto LIFE ReWo fornirà un nuovo processo di trasformazione “End of Waste” basato sull’inertizzazione termica dei rifiuti di lana minerale e sul riciclo della materia prima secondaria inerte ottenuta, ovvero ReWo, per produrre nuovi prodotti di alto valore in svariati settori industriali.

La sostenibilità negli ultimi anni è diventato un fattore molto importante per lo sviluppo di prodotti e processi. Tuttavia attualmente attraverso la metodologia standardizzata LCA è possibile valutare soltanto gli impatti di prodotti e processi attualmente sul mercato o prossimi alla commercializzazione. C’è quindi bisogno di superare questo limite, introducendo il concetto di innovazione sistematica e trasferimento tecnologico all’interno di analisi di LCA. Tutto ciò può essere possibile integrando i classici metodi e approcci di definizione degli inventari con una visione prospettica dell’inventario di prodotto e processo. Estrapolando dai brevetti informazioni di possibili tecnologie future è possibile conoscere in anticipo quali saranno gli impatti di prodotti e processi futuri

L’eco-design a supporto dell’ additive manufacturing è un problema complesso per via delle relazioni tra le polveri, la tecnologia laser e il lightweight design.

La scelta del processo produttivo è fondamentale per via degli impatti dell’atomizzatore, così come il dosaggio tra le polveri vergini (ottenute dall’atomizzazione del minerale) quelle riciclate (dall’atomizzazione del rottame) e quelle riutilizzate (recuperate da precedenti stampe). Allo stesso tempo anche il lightweight design è una chiave per la sostenibilità ma il suo utilizzo deve essere ponderato in funzione della tipologia di polvere.

L’intervento mira a far chiarezza sull’eco-design for additive manufacturing, affrontando il problema della complessità a livello teorico e pratico. Modelli parametrici, applicazioni industriali, utilizzo di software saranno analizzati in quest’ottica.

Si presenta un sistema con duplice funzione, in grado di depurare fumi di scarico e recuperare sostanze disperse in aria senza aggiungere acqua o additivi chimici. Questa tecnologia favorisce la condensazione dei vapori, ottenendo un aerosol liquido e un film liquido sulle superfici fredde. L'unità può essere a circuito chiuso e si adatta a linee di produzione esistenti. Un ciclone ad alta efficienza raccogliere l'aerosol condensato nel flusso d'aria.

L'obiettivo principale del Progetto EcoeFISHent è stabilire un cluster dimostrabile e replicabile, implementando strategicamente soluzioni sistemiche all'interno di catene di valore circolari a più livelli. Questo approccio completo è incentrato sulla valorizzazione eco-efficiente dei sottoprodotti delle industrie della pesca e del pescato, contribuendo alla sostenibilità e promuovendo l'innovazione nel processo. Creando un modello che mette in mostra l'efficacia di queste strategie, il progetto mira non solo a affrontare le sfide immediate, ma anche a ispirare l'ampia adozione di pratiche ambientalmente consapevoli in tutta l'industria.

Nell’intervento verranno illustrate le principali metodologie analitiche normalmente utilizzate per la ricerca delle fibre di Amianto e per la classificazione delle Fibre Artificiali Vetrose (FAV): dalla microscopia ottica a luce polarizzata (MOLP) alla microscopia elettronica a scansione (SEM), dalla spettrofotometria infrarossa a trasformata di Fourier (FTIR) alla diffrattometria ai raggi X (XRD). Verranno inoltre illustrati i requisiti che i Laboratori pubblici e privati devono possedere per effettuare attività analitiche sull’Amianto.

Abstract: Con la progressiva crescita della popolazione mondiale le risorse diventano gradualmente scarse, stanno emergendo una serie di tecnologie più pulite, che offrono modi più rispettosi dell’ambiente e sostenibili per gestire i rifiuti. Nonostante la progressiva riduzione dei rifiuti i termovalorizzatori continueranno a svolgere un ruolo cruciale nella gestione dei rifiuti e questo porterà sicuramente a tecnologie sempre più efficienti per ridurre gli inquinanti. L'esperienza dice che il controllo della combustione e il monitoraggio in tempo reale del gas di processo prima e dopo ciascun sistema di abbattimento consentono azioni correttive proattive riducendo significativamente il consumo di reagenti. Scopri come la scelta della tecnologia del sensore sia fondamentale e possa influenzare in modo significativo il risultato e aumentare l'efficienza e l'efficacia dell'abbattimento degli inquinanti.

L'ascesa della mobilità elettrica sta lanciando una significativa sfida legata ai rifiuti delle batterie, che raggiungeranno 9 milioni di tonnellate all'anno entro il 2040. In risposta a questa problematica, progetti come REBELION si concentrano sul riutilizzo delle batterie elettriche, affrontando complessità tecniche attraverso schemi circolari, test rapidi e sistemi di smontaggio autonomi. Allo stesso tempo, il progetto FREE4LIB mira a innovare il riciclo delle batterie automobilistiche giunte a fine vita, sviluppando tecnologie sostenibili per il recupero dei materiali. Nel campo della gestione dei rifiuti elettronici, il progetto GRINNER cerca di prevenire costosi e dannosi incendi causati dalle batterie, impiegando un sistema autonomo basato sull'intelligenza artificiale per un rilevamento e rimozione efficace dai flussi di rifiuti.

L'intelligenza artificiale (IA) rappresenta un alleato prezioso nella gestione degli impianti per il trattamento dei rifiuti, consentendo la pianificazione automatizzata dei trasporti, il riconoscimento dei materiali trattati e la manutenzione predittiva.

Il successo dell'IA dipende dalla disponibilità di dati di qualità, che devono essere reali, aggiornati e strutturati. L'avvento dell'Industria 4.0 ha facilitato la raccolta di simili dati attraverso i sistemi di automazione. Per ottenere risultati significativi, tuttavia, ciò non è sufficiente. E' essenziale ricondurre i dati ai processi in impianto, creando strutture come data lake e digital twin: database e modelli digitali dell'impianto, funzionali alle applicazioni di interesse.

Durante il talk, attraverso casi concreti, passeremo in rassegna gli aspetti fondamentali relativi alla raccolta e alla strutturazione delle informazioni, analizzando i relativi impatti dal punto di vista dell'aumento di efficienza, miglioramento della comunicazione, riduzione dei costi operativi e miglioramento della sicurezza e delle condizioni di lavoro. Analizzeremo inoltre alcune applicazioni pratiche dell'IA nel settore. Il talk è rivolto ai manager e ai responsabili di produzione, impianto o area interessati a ottimizzare le operazioni e raggiungere i risultati sopra descritti.

Chiaramente i partecipanti avranno modo di capire durante il talk cosa c'entrano le tinche con tutto il resto... Vi aspetto!

Verrà approfondito il contesto normativo; verranno esposti i dati dell'Alleanza delle Cooperative italiane a riguardo della filiera nazionale del rifiuto tessile, la responsabilità sociale e ambientale, le sfide e le opportunità di questo settore.

Esploriamo il connubio tra sostenibilità e tecnologia con le soluzioni di GREEEN. Presentiamo come il nostro approccio all’avanguardia per la gestione dei rifiuti, non solo migliora l’efficienza operativa, ma contribuisce anche a promuovere pratiche sostenibili attraverso l’innovazione digitale. Dalla raccolta alla gestione avanzata, attraverso hardware e software innovativi, scoprirai come possiamo contribuire a rendere più efficiente e sostenibile l’intero processo.

Need Help? Ask our team
1

Scarica la Brochure Sponsor

GDPR
Newsletter